Post in evidenza

Curare il cancro con l’aiuto di chi ha avuto lo stesso cancro

Le cure contro il cancro sono sempre più personalizzate, ogni tumore sembra essere diverso da un’altro. Sono innumerevoli le mutazioni genetiche che possono causare questa malattia. Per questo una delle cose più difficili sembra essere la scelta della terapia più idonea. Poter apprendere da chi ha patito lo stesso cancro di cui si soffre è un vantaggio enorme. A tal proposito sembra essere arrivata un’idea geniale.

cancro comune

Cancer Commons è un network non profit di pazienti, dottori e scienziati che raccoglie e cataloga in un database globale tutti i malati di cancro così da poter condividere ogni singola esperienza e metterla in comune.

La buona notizia è che chiunque può usufruire di questo database globale per avere una speranza in più, ma non solo.

Cancer Commons esaminerà il tuo caso, si consulterà con i principali esperti di cancro e ti fornirà pareri basati su evidenze scientifiche.

Il servizio è gratuito al 100% per i pazienti e le loro famiglie ed è completamente riservato.

Per poter usufruire del servizio, ed entrare a far parte del network basta collegarsi alla pagina di registrazione cliccando sul testo dell’immagine qui sopra o anche su questo link: https://platform.cancercommons.org/home

Siamo qui per aiutarti.

Indipendentemente dal tipo o dallo stadio del cancro, la nostra rete di esperti può aiutarti a sfruttare la conoscenza collettiva del cancro nel mondo. Ottieni risposte alle tue domande in modo rapido, chiaro e gratuito.

Con questa frase si viene accolti sulla pagina di registrazione.

Per aderire basta avere una email attiva da cui confermare la registrazione, successivamente bisogna aggiungere i propri dati, o quelli della persona interessata, alcune informazioni riguardo alla diagnosi del cancro e si entrerà subito a far parte di questa splendida comunità, per essere aiutati in questo difficile percorso e per aiutare altri che verranno grazie alle informazioni che si condivideranno sulla propria malattia.

Post in evidenza

Leggere e capire le analisi del sangue

Guida alla comprensione delle analisi del sangue

Per mantenere una buona salute è importante eseguire le analisi del sangue regolarmente e frequentemente, anche una volta l’anno. È il modo migliore di fare prevenzione; in questo modo si possono evitare rischi per la salute anche prima che si manifestino eventuali sintomi. Eseguire la analisi del sangue è semplicissimo, bisogna solo osservare un breve periodo di digiuno che solitamente si lascia trascorrere durante le ore notturne. La mattina delle analisi si deve evitare la colazione ed è consentito bere solo acqua, è per questo che i prelievi di sangue si fanno al mattino di buon ora ed il prelievo può essere effettuato anche a domicilio. Tutti possono leggere e capire le analisi del sangue senza difficoltà, basta sapere come farlo. Di fianco all’esito dei vari valori esaminati ci sono i valori di riferimento; qui sta la chiave di lettura, se i nostri valori sono al di fuori di quelli di riferimento potrebbe esserci qualcosa da controllare, in questo caso bisogna rivolgersi al proprio medico. Ma andiamo a vedere nel dettaglio come leggere i valori e quali rischi si nascondono al di là dei valori di riferimento.

 

Valori esaminati e, sulla destra, i riferimenti
Valori esaminati e, sulla destra, i riferimenti

Come si vede nell’immagine qui di fianco, accanto al tipo di esame (glicemia, azotemia, colesterolo, etc.), ci sono i valori riscontrati e, nell’ultima colonna a destra, i valori di riferimento.
Prendiamo come esempio il valore della glicemia nell’immagine: vediamo che il valore riscontrato è 84 e nella colonna a destra c’è scritto 60 – 110 (questi sono i valori di riferimento, 60 è il minimo 110 è il massimo), al di sotto o al di sopra di questi valori bisogna rivolgersi al proprio medico per capire se può esserci qualche precauzione da prendere. In alcuni esami, come ad esempio la Creatinina Sierica (vedi immagine), il valore di riferimento può essere soltanto uno, accompagnato dai simboli < o >, significa che i valori sono nella norma quando si trovano al di sotto < o al di sopra > del valore di riferimento indicato.

 

Di seguito trovate i valori del sangue con una breve descrizione (solo per i più richiesti) dei rischi a cui si potrebbe andare incontro al di là dei valori di riferimento. I motivi dei valori alterati possono essere innumerevoli, qualsiasi esempio di rischio è puramente ipotetico e talvolta valori alterati sono temporanei e assolutamente non significativi; per qualsiasi interpretazione è importante rivolgersi al proprio medico.

Principali esami per un check up generale 

 

Emocromo
Ematocrito 
Uomini ♂ 40 – 54
Donne ♀ 36 – 52
Globuli Bianchi
Leucociti 4.000 – 10.000
Linfociti 1500 – 3000


Sistema cardiocircolatorio
Colesterolo 120 – 200

Trigliceridi 65 – 175


Diabete
Glicemia 60 – 110


Fegato

Transaminasi
Uomini ♂ 10 – 40
Donne ♀ 5 – 30

Bilirubina <1,110

Fosfatasi Alcalina
Adulti 50-190
Adolescenti 10-15 anni 130-700
Bambini 1-10 anni 110-550
Bambini fino a 1 anno 110-700


Reni

Azotemia 20 – 50

Creatinina <1.40


Processi Infiammatori

VES 0 – 20


Questi sono solo i valori per gli esami del sangue di routine, quelli che servono per valutare la situazione generale di salute. Ne esistono numerosissimi altri, il medico saprà prescrivere quelli indicati per ogni caso specifico. I valori di maggior interesse sono sottolineati e cliccandoci su si possono avere ulteriori informazioni.

Come assumere la spirulina per dimagrire

La Spirulina non è un’alga, tecnicamente è un ciano batterio ma la sostanza non cambia. Oggi è molto usata nelle dieta e sono in molti a voler sapere com assumere la Spirulina per dimagrire.

È composta principalmente da proteine, addirittura più del 60%. Inoltre contiene quasi tutte le vitamine, i minerali e gli acidi grassi essenziali per la buona salute.

Proprio per questo viene prodotta in compresse e venduta come integratore alimentare. Non esiste al mondo un integratore più completo. Sono sempre di più i nutrizionisti e i dietologi che la consigliano come dimagrante. La comunità scientifica l’ha catalogata come tonico ad azione ricostituente e di sostegno. Proprio queste sue caratteristiche ne fanno un prodotto ideale da assumere se si vuol perdere grasso e peso.

Come assumere la spirulina per dimagrire

Se si vuol perdere un po’ di peso, o anche tanto, è una ottima idea utilizzare le compresse di Spirulina. È sufficiente assumere qualche compressa prima dei pasti per ottenere ottimi risultati. Grazie alla sua composizione è in grado di aumentare il metabolismo e di bloccare il senso di fame nervosa agendo in modo estremamente semplice ed efficace. La sua composizione proteica innesca una serie di attività metaboliche che accelerano il metabolismo. Inoltre le proteine, le vitamine e i minerali forniscono tantissima energia che spegne il senso di fame con pochissime calorie. Anche la fame nervosa è ridotta in conseguenza all’apporto energetico.

La Spirulina ha controindicazioni?

Non ci sono controindicazioni, anzi in realtà ha tantissime indicazioni. Grazie alla sua composizione è indicata per aumentare le difese immunitarie, per rinforzare unghie e capelli ma anche la pelle che inoltre risulterà più resistente al sole e si abbronzerà più intensamente. Inoltre è indicata per ridurre il colesterolo, durante le mestruazioni ed è anche molto utile ai vegani e ai vegetariani. Ma in realtà ha tantissime altre proprietà.

Perché la Spirulina ha tutte queste proprietà?


Tutte queste proprietà sono dovute ai suoi componenti e siccome ne ha tantissimi le proprietà ne sono altrettante. Aumenta le difese immunitarie grazie alle vitamine e agli antiossidanti che contiene. Favorisce l’abbronzatura e rinforza pelle unghie e capelli grazie alla biotina ed ai pigmenti. Protegge il sistema cardiocircolatorio perché contiene Omega 3 che riducono il colesterolo cattivo. È consigliata durante le mestruazioni ma anche in caso di carenza di ferro perché contiene ferro e acido folico altamente assimilabili. È un integratore fondamentale per vegani e vegetariani perché contiene tutti gli amminoacidi essenziali e la vitamina B12. È molto utilizzata dagli sportivi perché è ricca di proteine, aminoacidi, e vitamine del gruppo B.

dimagrire con la Spirulina

Pratico manuale in PDF con tutti i dettagli sul potere dimagrante della Spirulina e sulle modalità di assunzione. In questo manuale ci sono inoltre elencate le piante officinali dimagranti riconosciute dalla medicina ufficiale, per non ritrovarsi ad utilizzare prodotti spacciati come dimagranti ma che in realtà non servono a nulla.


Dove posso acquistare la Spirulina?

Non potevamo non avere a disposizione un prodotto così utile e versatile. Ne abbiamo 2 tipi, entrambi prodotti in Italia, uno dei 2 è addirittura coltivato in Italia ed è quindi anche a km0 per i più esigenti. Scegli la Spirulina che preferisci cliccando sulle immagini che seguono e scrivici per avere qualsiasi informazione in merito.

Spirulina Italiana, come assumere la spirulina per dimagrire
spirulina

Disponibile anche un interessante ebook in formato PDF per approfondire le indicazioni, gli utilizzi e le proprietà della Spirulina con collegamenti a ricerche scientifiche reali

Dimagrire con gli integratori brucia grassi

Dimagrire è sempre un buon proposito, essere in sovrappeso non fa bene alla salute e dimagrire con gli integratori brucia grassi è molto più facile che dimagrire senza nessun aiuto.

Come funzionano gli integratori brucia grassi?

I cosiddetti “brucia grassi” sono una classe di integratori che funzionano letteralmente bruciando i grassi. Accelerano il metabolismo innescando un aumento di temperatura che consumerà calorie proprio grazie al calore. Sono infatti anche definiti “termogenici”.

Sono sicuri i brucia grassi?

Questo tipo di integratori non dovrebbe contenere nulla di dannoso e sono generalmente sicuri. Per l’acquisto è sempre meglio affidarsi ad addetti del settore come farmacisti o medici o in questo caso al nostro sito che è appunto gestito da un farmacista a cui ci si può rivolgere in qualsiasi momento. Le sostanze pericolose che bisogna evitare sono le anfetamine che agiscono sul sistema nervoso in modo invasivo e possono danneggiare il cuore ed il cervello. Bisogna inoltre fare attenzione ai livelli di iodio presenti in questi integratori. Infatti lo Iodio è molto utile per dimagrire ma bisogna non eccedere poiché dosaggi troppo alti potrebbero danneggiare la tiroide.

Inoltre bisogna fare molta attenzione quando si cercano prodotti per dimagrire. Esistono in commercio diverse sostanze che promettono di perdere peso ma che sono pericolose per la salute e sono infatti vietate. Fai attenzione, fai i tuoi acquisti solo su siti sicuri e controllati come questo. Infatti gli integratori che trovi su Paracelsus sono controllati e garantiti dal nostro Farmacista a cui puoi rivolgere tutte le domande che vuoi.

Perché è consigliabile dimagrire con gli integratori brucia grassi?

Dimagrire fa bene alla salute e fa bene anche alla mente. Il problema è che siamo così assuefatti da certi sapori che non riusciamo a farne a meno. Lo stomaco si è ingrandito e per saziarsi ha bisogno di riempirsi più del normale. Questi integratori ci vengono in aiuto anche per questi problemi. Infatti i brucia grassi degni di questo nome stimolando il metabolismo stimolano anche il cervello ad essere attivi e di conseguenza diminuirà gradualmente lo stimolo della fame nervosa. Inoltre le piante officinali che sono gli ingredienti principali di questi prodotti ridurranno ulteriormente il senso di fame. Basata riuscire a mangiare di meno per pochi giorni, lo stomaco subito si ridurrà e di conseguenza si ridurrà la fame. È questione di rompere un circolo vizioso negativo ed innescarne uno nuovo positivo.

Se sei interessato a provare uno di questi prodotti e vuoi il consiglio di un esperto cliccando sull’immagine di seguito andrai alla scheda di un integratore brucia grassi sicuro, efficace e utilizzato con enorme successo. Questo potente dimagrante ed i suoi componenti sono stati accuratamente controllati dal Farmacista di Paracelsus a cui potrai rivolge tutte le domande che desideri.

brucia grassi

Integratore per stimolare la tiroide

Se cerchi un integratore per stimolare la tiroide ne troverai diversi. Stimolare la tiroide può significare ritrovare una certa vitalità, sentirsi meno stanchi e ritrovare la forma fisica. il più semplice, naturale ed efficace è sicuramente un integratore a base di Iodio. In basso ti mostrerò i link a qualche integratore per stimolare la tiroide ma vorrei prima darti qualche informazione interessante sullo Iodio.

Lo iodio è un elemento molto importante, la sua carenza è abbastanza diffusa e causa diverse patologie, alcune anche gravi. Infatti il ministero della salute ha lanciato da diverso tempo una campagna di Iodoprofilassi. Gli alimenti che contengono Iodio sonno pochi, alcuni ne contengono pochissime quantità, altri sono alimenti che troviamo raramente sulle nostre tavole come crostacei e molluschi.

Sale iodato o integratore di Iodio

Il Ministero della Salute suggerisce di assumere sale iodato per scongiurare il pericolo di carenza di Iodio ma è sicuramente meglio assumere direttamente un integratore. Infatti la quantità di sale iodato consigliata per una buona integrazione di Iodio è 5g che è oltre la dose consigliata di 3-5g. al giorno per non incorrere in malattie cardiovascolari.

Per avere un idea di quanti siano 5g di sale considera che una bustina di zucchero è 5g. Immagina di dover assumere ogni giorno una bustina di sale grande quanto una bustina di zucchero. Inoltre il sale è contenuto in tutti gli alimenti, quindi sicuramente non è saggio consigliare di consumare una bustina di sale al giorno.

Scegli un buon integratore per stimolare la tiroide

Come ti ho anticipato all’inizio di questo articolo ti indico alcuni integratori per stimolare la tiroide.

integratore per stimolare la tiroide

Per stimolare la tiroide puoi decidere di assumere un integratore molto semplice a base di Iodio come Tiriosel® con l’aggiunta di Selenio, elemento importantissimo per una funzione tiroidea ottimale. Tiriosel® è un prodotto Italiano al 100% ed è un integratore eccellente.


brucia grassi

Un’altro eccellente integratore per stimolare la tiroide è Ai-BURN® HARDCORE. Puoi scegliere questo integratore se sei alla ricerca di una considerevole perdita di peso. Stimola la tiroide grazie al suo contenuto di Forskolina, pianta officinale ormai nota per il suo potere dimagrante grazie proprio alla sua azione tireostimolante.

Ipotiroidismo, stanchezza, sovrappeso e iodio.

L’ipotiroidismo è causato da una carenza di iodio, condizione caratterizzata da una ridotta funzionalità della ghiandola tiroidea che può causare conseguenze anche gravi. La cosa più preoccupante è che più della meta delle persone affette da ipotiroidismo non sa di esserlo. Se non si hanno sintomi gravi è inutile sottoporsi ad esami ed analisi, basta una semplicissima integrazione.

Dal sito salute.gov.it:

Lo iodio regola la termogenesi, influenza il metabolismo glucidico, proteico e lipidico e favorisce la fissazione ossea del calcio. La sua carenza può causare ipotiroidismo, gozzo, rischio di aborto e problemi neurologici gravi fino al cretinismo.

Cristalli di iodio.

L’ipotiroidismo è una condizione molto diffusa ed è determinata da una ridotta funzionalità della tiroide, una ghiandola che si trova nella parte anteriore del collo. Purtroppo la maggior parte delle persone affette da ipotiroidismo non sa di esserlo. L’ipotiroidismo è più diffuso di quanto si possa immaginare. Molti dei suoi sintomi come stanchezza, sovrappeso, calo della libido, disturbi del ciclo mestruale, sonnolenza dopo i pasti, ed altri, possono non essere associati ad ipotiroidismo e potrebbero essere un campanello d’allarme che non viene ascoltato. Le conseguenze possono essere gravi ma se ci si muove in anticipo si può completamente scongiurare il pericolo. Può essere causato da diversi fattori, ma la causa più comune è la carenza di iodio. Il rimedio è davvero semplice. Per prevenire l”ipotiroidismo è consigliabile assumere 5 grammi di sale iodato al giorno ma un integratore è sicuramente meglio per evitare problemi cardiovascolari, leggi qui.

Tiriosel®

Questa scelta del sale Iodato è controcorrente. Si cerca sempre di ridurre l’assunzione di sale per motivi altrettanto gravi. Infatti se giustamente non si vuole usare il sale per non andare incontro a pressione alta e irrigidimento delle arterie si può optare per un integratore come Tiriosel®.

Lo iodio è un elemento importantissimo ma sottovalutato. Infatti il Ministero della Salute in collaborazione con OSNAMI (Osservatorio Nazionale per il Monitoraggio della iodoprofilassi in Italia) fa una campagna di iodoprofilassi. In questa pagina di salute.gov.it  si legge

“La carenza nutrizionale di iodio è un problema di salute pubblica rilevante ed è stata inclusa dall’OMS fra le prime dieci emergenze del nostro pianeta. Gli effetti negativi di tale carenza possono interessare tutte le fasi della vita, sebbene gravidanza, allattamento e infanzia rappresentino le fasi in cui gli effetti possono essere più gravi per le conseguenze di ipotiroidismo congenito.”

Lo iodio ha effetti diretti sulla tiroide, una ghiandola che regola aspetti molto importanti del nostro organismo. Una carenza di iodio causa una minore funzionalità della tiroide, condizione nota come ipotiroidismo. In alcuni individui predisposti anche un eccesso di iodio può causare una funzione tiroidea aumentata, l’ipertiroidismo. Ma in realtà questa condizione è molto rara. Per diventare ipertiroidei bisogna avere una predisposizione ed assumere quantità di iodio veramente elevate per un periodo di tempo continuato.

A questo punto è necessario chiarire quali sono le quantità di iodio da assumere.

Lo vediamo subito. In quest’altra pagina del Ministero si chiarisce che “La quantità di iodio assunta con gli alimenti non è sufficiente a garantirne l’apporto giornaliero raccomandato (150 microgrammi o mcg o µg), per integrarne l’assunzione basta semplicemente usare sale arricchito di iodio al posto del comune sale da cucina.”

Come specificato in questo documento divulgato dal Ministerola quantità minima di iodio raccomandata e di 150 mcg al giorno. Negli alimenti tradizionali la quantità di iodio è quasi nulla. È consigliabile assumere fino ad un massimo di 5 grammi si sale iodato al giorno.

brucia grassi

Scopri il potere dimagrante di

Ai-BURN HARDCORE

Diarrea, un problema risolvibile

Sono tantissimi a dover fare i conti con la diarrea, a volte anche tutti i giorni. Il problema è molto fastidioso, soprattutto perché può essere accompagnato da crampi, cattiva digestione, spossatezza.

La diarrea semplicemente è il risultato di un transito intestinale accelerato, in pratica il cibo non viene trattenuto nell’intestino per tutto il tempo necessario, ma vediamo quali sono le cause e le conseguenze.

sindrome del colon irritabile

Le cause alimentari della diarrea

Le cause più comuni della diarrea sono legate all’alimentazione. I colpevoli molto spesso sono i soliti alimenti, fritture, dolciumi, cibi troppo grassi. Anche mangiare in modo sregolato senza fare attenzione ad apportare i nutrienti nelle giuste proporzioni e sempre causa di disturbi. Un’altra causa di disturbi è una dieta priva di elementi essenziali come i probiotici.

Una cattiva alimentazione provoca disturbi intestinali che a loro volta causano un transito accelerato perché l’intestino cerca di liberarsi in fretta. Inoltre le stesse sostanze che causano questo svuotamento accelerato irritano o infiammano le pareti intestinali, per ciò lo svuotamento potrebbe accelerare ulteriormente.

Il transito accelerato porta via con se anche la flora batterica intestinale buona, quella cioè che ci aiuta a digerire gli alimenti, ad assimilarli nel modo giusto e ad eliminare le scorie. Anche l’infiammazione causata dalla cattiva alimentazione danneggia la flora batterica intestinale buona.

diarrea, batteri, fermenti intestinali

Le conseguenze

Lo squilibrio batterico che si instaura causa cattiva digestione, malassorbimento, infiammazione, dolori, diarrea, flatulenza, alitosi. A lungo termine questi fastidi possono cronicizzarsi e dare problemi più gravi. Bisogna considerare che il malassorbimento è un problema da non ignorare.

Malassorbimento

L’intestino è un vero e proprio filtro, lascia passare le cose buone e scarta le cose non buone. Se l’intestino non è in forma la sua funzione di filtro non funziona a dovere e rischiamo di assorbire sostanze dannose e di espellere sostanze invece fondamentali. La diarrea è una vera e propria manifestazione di malassorbimento.

Rimedi

Rimediare è essenziale, bisogna intervenire subito, se la diarrea si protrae troppo a lungo i danni potrebbero essere molto fastidiosi. Innanzitutto bisogna accettare che non possiamo mangiare tutto ciò che ci pare quando ci pare, bisogna sapersi limitare. È anche importante capire quali sono i cibi che ci fanno bene, ad esempio per la diarrea fanno bene il riso e le banane. È bene capire quali alimenti dobbiamo assumere più spesso. Inoltre sono fondamentali integratori a base di probiotici, cioè fermenti lattici ma anche carbone vegetale e piante officinali che andrebbero assunti con una certa cadenza per nutrire e prendersi cura dell’intestino. L’integratore migliore in assoluto al momento è un prodotto della linea del Dr. Giorgini, CARBO COMPOSITUM-T

diarrea, carbone vegetale, fermenti lattici

CARBO COMPOSITUM-T è il miglior prodotto al momento contro la diarrea per la sua composizione completa. Contiene infatti Carbone Vegetale e piante officinali che già da sole danno un aiuto concreto. Inoltre contiene probiotici, addirittura 10 ceppi di fermenti lattici vivi, fondamentali per mantenere il nostro intestino in perfetta forma. Infatti anche il Ministero della Salute in un documento afferma che i fermenti, cioè i probiotici, “favoriscono l’equilibrio della flora intestinale”.

acido butirrico
immagini freepik.com

Intolleranza al Lattosio, dai laboratori Cortex Italia la soluzione definitiva

L’intolleranza al lattosio è una condizione che riguarda il 70% della popolazione nell’Europa meridionale, dati EFSA.

Si verifica quando c’è carenza di una particolare sostanza, la lattasi, che serve a digerire il lattosio, uno zucchero presente nel latte. La carenza può essere totale o parziale ma le conseguenze sono le stesse.

Quali sono i sintomi dell’intolleranza al lattosio

La sintomatologia è molto varia, i disturbi più comuni sono i dolori addominali, gonfiore, gas intestinali, diarrea o stitichezza. La causa è la carenza dell’enzima lattasi. I sintomi posso essere molto diversi da persona a persona questa condizione può anche portare mal di testa, eruzioni cutanee, stanchezza, nausea, carenza di Calcio e vitamina D.

Chi soffre di questa patologia ha grosse difficoltà nell’alimentazione di tutti i giorni perché Il lattosio è praticamente ovunque. Nei gelati, nei biscotti, negli snack ma anche in alimenti insospettabili come gli insaccati. Per questo diventa pericoloso mangiare fuori casa ma a casa di amici. È altrettanto pericoloso mangiare qualsiasi altra cosa che non abbia gli ingredienti elencati sulla confezione. L’unico rimedio efficace consiste nell’assumere integratori a base di lattasi ma purtroppo molti non funzionano.

Finalmente una lattasi che funziona

L’unico rimedio che pone fine a questi fastidi è semplicissimo un integratore privo di controindicazioni che digerisce il lattosio, la lattasi. Esistono tantissimi prodotti a base di lattasi ma molti non funzionano a dovere. Ciò accade perché la lattasi agisce in una particolare zona dell’intestino. Assumere delle semplici compresse di enzima non basta perché l’enzima verrebbe digerito nello stomaco e non arriverebbe dove deve agire, nell’intestino tenue.

Cortex Italia ha creato Lactoint, una lattasi contenuta in una capsula speciale, capace di arrivare la dove serve.

Il segreto di Lactoint è nelle sue speciali capsule che fino a d oggi nessuno è riuscito ad imitare. Lactoint da solo è in grado di digerire il lattosio al posto nostro eliminando il problema alla radice. Contiene inoltre molto di più della lattasi. Chi soffre di intolleranza al lattosio ha bisogno anche di curare i danni che questa condizione comporta. Contiene infatti vitamina D3, per le carenze di vitamina D e Calcio causate dall’intolleranza. Coriandolo e fibra d’Acacia, in grado di sgonfiare l’addome. Lactoint è diverso chi lo ha provato non è più tornato indietro e adesso conduce una vita regolare e senza rinunce.

celiachia
Lactoint è inserito nel Prontuario Alimenti per Celiaci

Se Ami il Latte …

Provalo Subito cliccando sull’immagine in basso

lattasi, intolleranza al lattosio
immagine se ami il latte:
Hand vector created by freepik – www.freepik.com


Sindrome del colon irritabile

La sindrome del colon irritabile, conosciuta anche come IBS, è una condizione che rende l’intestino molto sensibile a diversi alimenti. La conseguenza più fastidiosa è che a causa di questo problema si manifestano frequenti eventi diarroici. La sindrome è accompagnata da crampi, bruciore, gonfiore e a volte anche costipazione.

Le cause di questa irritabilità del colon non sono ancora note ma sono invece noti i cibi che potrebbero scatenare gli episodi dolorosi e diarroici. Fritture, cioccolata, caffè, alcol, insomma tutti quegli alimenti che sono già noti per le loro caratteristiche irritanti.

Sindrome del colon irritabile, soggettive le cause

Al di là degli alimenti noti ci sono alimenti soggettivi, che possono cioè irritare il colon in alcuni soggetti mentre in altri no. Per questo non esiste una vera e propria dieta da seguire per evitare gli episodi ma è importante fare attenzione a cosa li scatena per evitarli in futuro.

GLI EPISODI 
POSSONO
ESSERE MOLTO 
DOLOROSI

RIMEDI

Per combattere la sindrome del colon irritabile c’è un prodotto a base di sodio butirrato, prodotto in Italia ed estremamente efficace. Actibutir plus contiene in ogni compressa 600mg di sodio butirrato e ben 1 miliardo di cellule vive di probiotici.

Actibutir plus è un alimento a fini medici speciali, il probiotico che contiene non è uno qualsiasi ma bensì il Lactobacillus acidophilus LA 14.

Questo speciale ceppo è risultato particolarmente utile in caso di colon irritabile ma sembra in generale avere altri effetti positivi sull’organismo tra cui aumentare le difese immunitarie.

Provalo subito e ricevi dei campioni omaggio

Cliccando sull’immagine si viene reindirizzati alla pagina di acquisto del prodotto con una offerta davvero speciale. Non solo ActiButir plus è ad un prezzo speciale ma se condividi questo articolo sui social riceverai insieme al tuo ordine campioni omaggio del prodotto.

Sulla pagina del prodotto trovi altre informazioni, tra cui modalità e tempi di assunzione.

Immagine:
Woman photo created by freepik - www.freepik.com

Sciatica, un dolore molto comune e spesso curato male

La sciatica o sciatalgia è una infiammazione del nervo sciatico che causa dolore, a volte solo lieve e intermittente ma spesso molto intenso e costante. Il nervo sciatico parte dalla base della schiena, poco sopra il gluteo, ed arriva fin giù al polpaccio dove si divide in due rami. Quando il dolore è forte si ricorre a farmaci antidolorifici ma questi sono solo un rimedio momentaneo. Per curare il dolore sono indicati integratori specifici.

Sciatica, sintomi e cause

Il dolore solitamente parte dalla zona del gluteo per irradiarsi fin dietro la coscia. Può diventare persistente, limita molto qualsiasi movimento e di solito non si placa in nessuna posizione specifica, neanche distesi. Il dolore è causato dall’infiammazione del nervo e le cause possono essere diverse. Problemi legati alla colonna vertebrale, discopatie. Posture errate prolungate. Sollevamento continuo di pesi. Movimenti falsi. Ernia del disco. Sforzi eccessivi. Traumi. Sport.

Rimedi

Solitamente per alleviare il dolore si ricorre a farmaci antinfiammatori, detti anche FANS. Naturalmente se il dolore è forte e debilitante l’alternativa per eliminare subito il dolore non c’è, ma i farmaci risolvono il problema solo momentaneamente. Esistono diversi integratori che possono spegnere l’infiammazione e che possono anche essere associati ai FANS e dare risultati duraturi.

A meno che la sciatica non sia causata da traumi, il dolore arriva per gradi diventando sempre più intenso. In questi casi è bene cercare innanzitutto di individuare la causa scatenante e altrettanto importante è curare il dolore con integratori specifici. La Curcuma, ad esempio, ha un elevatissimo potere antinfiammatorio ma non ha tutti gli effetti indesiderati dei FANS. Anzi, gli effetti benefici della Curcuma sono svariati. Fa bene al cuore, allontana il raffreddore, aiuta a dimagrire, migliora la digestione.

Per curare l’infiammazione del nervo sciatico la semplice Curcuma da cucina non può bastare. Infatti l’effetto antidolorifico e antinfiammatorio è dato dalla curcumina, una molecola attiva presente in questa spezia ma le sue concentrazioni devono essere elevate. Esistono diversi integratori a base di curcumina concentrata, basta sceglierne uno.

sciatica

Integratori

I farmaci antidolorifici possono dare assuefazione, mascherano il problema e non curano l’infiammazione che a lungo andare peggiora. Un buon integratore invece porterà ad un rapido e duraturo sollievo. Il dolore potrebbe sparire già dalle prime assunzioni. Questi integratori sono indicati anche per dolori acuti ma la loro principale funzione è quella curativa, cioè di allontanare l’infiammazione. Il loro effetto non è istantaneo come i farmaci ma è risolutivo quindi dura anche nel tempo. Assumendo integratori di Curcuma regolarmente si potrà risolvere questo doloroso problema senza timore degli effetti collaterali degli antidolorifici tradizionali. La cura andrà seguita secondo le indicazioni del prodotto, del medico o del farmacista.

Ci sono anche altri integratori per questo tipo di problemi. Proponiamo in particolare un integratore della SWISSE a base di Condroitina, Glucosamina, Boswellia, Manganese, Vitamina C e Rame. In questo integratore l’effetto antidolorifico ed antinfiammatorio è dato dalla Boswellia. Gli altri elementi ne aumentano e ne migliorano l’efficacia.

Immagine:
Design vector created by macrovector - www.freepik.com

Digestione, meglio non sottovalutarla

Abitudini sbagliate e cattiva alimentazione possono cronicizzare un processo digestivo scorretto

Tutti i nemici di una cattiva digestione

Una cattiva digestione può riguardare un singolo episodio digestivo ma molto spesso si cronicizza senza che ce ne rendiamo conto. Mangiare in fretta, non masticare bene, pasti troppo abbondanti, alcol, sigarette, medicine, junk food o cibo spazzatura sono solo alcune delle innumerevoli abitudini sbagliate che danneggiamo l’apparato digerente. Questo va assolutamente scongiurato perché digerire è un processo importantissimo, fa una selezione tra ciò che farà letteralmente parte di noi e ciò che verrà scartato.

Ogni tanto

Proprio perché il sistema digerente fa la selezione tra ciò che entra e ciò che esce dovremmo poter mangiare tutto ciò che ci pare. In effetti è così ma questo vale solo ogni tanto. La digestione è un processo molto lungo e complicato che utilizza tantissima energia. Tanto più gli alimenti da digerire sono elaborati tanto più l’intestino faticherà a digerirli. Se troppo spesso diamo troppo lavoro al nostro intestino questo si affaticherà e non sarà più in grado di svolgere correttamente il suo complicato lavoro. Non senza conseguenze.

Le conseguenze

Trascurare la propria alimentazione e il proprio intestino porta ad una serie infinita di possibili conseguenze. Solo alcune di queste sono, gonfiore addominale, intestino irritabile, infiammazioni intestinali, iperacidità, reflusso gastrico, disturbi metabolici, obesità.

Una buona funzionalità digestiva è anche il segreto per una forma perfetta

Una linea perfetta si mantiene con una corretta l’alimentazione ma non basta. Una cattiva digestione cronica rallenta anche il metabolismo con conseguenze sull’accumulo di grasso ed il gonfiore addominale.

La soluzione è avere una cura costante del proprio apparato digerente

Rimedi per una corretta digestione

Fare attenzione a quel che si mangia, ridurre al minimo cibi e bevande dannosi, masticare bene, non mangiare troppo, usare dei buoni integratori per la cura dell’intestino. Avere cura del proprio apparato digerente significa avere cura di se stessi, farlo è più semplice di quanto si creda.

Immagini freepik.com